Home » Bibliografia

Bibliografia

Cataloghi

CRC Art Collection, Sao Paulo (2017) (-) Colleçao de Arte do Circolo Italiano, Instituto de Recuperação do Patrimônio Histórico de Sao Paulo, Essay by Emanuel von Lauenstein Massarani, Sao Paulo, Brazil, 2016  (-) V Biennale di Firenze, Firenze, Italy, 2015  (-) F Museo Boncompagni Ludovisi per le Arti Decorative della Galleria Nazionale d'Arte Moderna (GNAM), Essay by Mariastella Margozzi, Roma, Italia, 2014  (-) V Padova Art Fair, Padova, Italy, 2014  (-) V Arte Italo Brasileira, Ambasciata d'Italia a Brasilia, Arte Italo-Brasìleìra, Essay by Raffaele Trombetta, Italian Ambassador in Brasil and Attilio de Gasperis, director of the Italian Institute of Culture of Sao Paulo, Brasilia, Brazil, 2013  (-) V Padova Art Fair, Mostra d'Arte Moderna e Contemporanea, Padova, Italy, 2012 (-) V Italia Brasile Arte, Italian Embassy in Brasilia and the Istituto de Recupeaçao do Patrimonio Historico no Estado de São Paulo, Brazil, 2012  (-) V Joseph Pace Filtranisme, Forte Sangallo, Essay by Giampiero Pedace Head of Culture of the City of Nettuno, Nettuno, Italy, 2011 (-) V Joseph Pace: Impermanenza, Essay by Mariastella Margozzi of the National Gallery of Modern Art of Rome (GNAM), and by Pino Procopio, artist, Roma, Italy, 2010  (-) F Joseph Pace Emoçoes, Museu de Arte do Parlamento de Sao Paulo, Essay by Emanuel von Lauenstein Massarani, Diretor do Museo de Arte do Parlamento e Presidente do Instituto de Recuperação do Patrimônio Histórico de Sao Paulo, Sao Paulo, Brazil, 2010  (-) F Joseph Pace, CRC, Sao Paulo, Brazil, 2010  (-) V Padova Art Fair, Mostra d'Arte Moderna e Contemporanea, Padova, Italy, 2010 (-) V Il sopravvento del Colore, Essay by Mariastella Margozzi of the National Gallery of Modern Art of Rome (GNAM) and director of the Museo Boncompagni Ludovisi Decorative Arts Museum of Rome, Roma, Italy, 2008  (-) V Annuario di Arte Moderna, Roma, Italy, 2008 (-) F Contras, Joseph Pace Il Busto Mistero, Alba, Italy, 2002 (-) F Deducir, Galerìa Munoz, Madrid, Spain, 1996 (-) F Trosos de Queso, Galeria Felez, Barcelona, Spain, 1992.

Hanno scritto

(-) Jornal da Zona Este, Joseph Pace: dinamismo vital e força cosmica, Essay by Emanuel von Lauentein Massarani, Instituto de Recuperação do Patrimônio Histórico no Estado de São Paulo, Sao Paulo, Brazil, (2017) ローマ】ローマ郊外でくつろぎの時を クロチェッティ美術館, 酒井 香織 (2015) (-) Jumeriah Magazine, Dubai, UAE - United Arab Emirates (2015) (-) Вечный город как обычно наполнен событиями, среди которых выделим некоторые Joseph Pace, Museo Venanzo Crocetti с12 по 28 января (2015) (-) Jornal da Zona Este, Joseph Pace: dinamismo vital e força cosmica, Essay by Emanuel von Lauentein Massarani, Instituto de Recuperação do Patrimônio Histórico no Estado de São Paulo, Sao Paulo, Brazil, (2015) (-) Museo Venanzo Crocetti, L'Aquila Forever, Roma (2015) (-) Springer, International Publiscer Human Science: "Kurt H. Wolff and Italy: Thracing the Steps of an Esclusive Spirit on his Journey Home", O. Del Vecchio, Dortmund, Germany (2015) (-) Sao Paulo Magazine, April, p. 8, Sao Paulo, Brazil, (2015) (-) You Reporter, Milano, (2015) (-) Museo Boncompagni, Galleria Nazionale d'Arte Moderna, Joseph Pace, L'Eva Futura, Roma (2014) (-) Élite Art, São Paulo, pag 28 to 32 (2014) (-) Revista Pré-Univesp, Museu Afro Brasil recebe exposiçao "O negro no futebol brasileiro - A arte os artistas (Homenagem a Mario Filho)", Sao Paulo, 2014 (-) Redeviva, Jornal da Vida, Museu Afro Brasil recebe exposiçao "O negro no futebol brasileiro", Sao Paulo, 2014 (-) Géledes, Museu Afro Brasil recebe exposiçao "O negro no futebol brasileiro", Sao Paulo, 2014 (-) Art Magazine, Roma (2014) (-) Inside, Roma (2014) (-) Art&Art, Roma, pag. 39 (2014) (-) Diario Official da Assembleia Legislativa de Sao Paulo, Essay by Emanuel von Lauentein Massarani, Diretor do Museo de Arte do Parlamento de Sao Paulo e Presidente do Instituto de Recuperação do Patrimônio Histórico no Estado de São PauloSao Paulo, Brasil (2013) (-) Ambasciata d'Italia, Arte Italo-Brasileira, Jornal Brasil, Brasilia (2013) (-) Ministero Affari Esteri: L'arte Italo Brasileira in mostra all'Ambasciata d'Italia a Brasilia, Roma (2013) (-) Il Tempo di Roma Quotidiano, p.37, Roma (2013) (-) Arte Italo Brasileira: Joseph Pace, UNDO NET, Brasilia (2013) (-) Un Mondo al Quadrato, Essay  byMariastella Margozzi of the National Gallery of Modern and Contemporary Art of Rome, Rome, 2013 (-) Un Mondo al Quadrato, Tribenet, Roma (2013) (-) Spazio 88, UNDO NET, Roma (2013) (-) Lettera di incoraggiamento ai giovani artisti, Inside, Roma (2013) (-) Il Granchio, Il quotidiano di Anzio e Nettuno (2011) (-) De Leon Comunicaçoes, Sao Paulo (2010/2011) (-)Le Filtranisme a Nettuno E&A Arte (2011) (-) De Leon Comunicaçoes, Sao Paulo (2011) (-) Le Filtranisme, Quattrocchi Lavinio, Roma  (2011) (-) Maria Das Graças Hansen Albaran, Jaguariuna, Brasile (2011) (-) International, Arte, Sao Paulo (2011) (-) Museo de Arte, Diario Official da Assembleia Legislativa de Sao Paulo, Sao Paulo, Brasil (2010) (-) Assembleia Legislativa do Estado de Sao Paulo, Emoçoes de Joseph Pace (2010) (.) Centro de Contabilide do Estado de Sao Paulo, San Paolo (2010) (-) Marcello Paris, Inside Seborga, Seborga (2012) (-) Fidia Arte, Roma (2010)(-) Cerca Arte.it (2010) (-) Quotidiano di Alessandria, Giornal.it, Valentina Piacentini, (2010) (-) Efrem Bovo, Giornalit, Alessandria (2009)  (-) Il Messaggero di Roma Quotidiano, Marcella Smocovich, Roma (2008) (-) Galleria André. B. Recchilongo, Roma-(2008) (-) Mariastella Margozzi, Galleria nazionale d'arte moderna, Joseph Pace Filtranisme, Centro d'Arte Bitta, Roma (2007) (-) Mascia Ferri, Galleria Fidia, Roma (2007) (-) Mauro Carrero, Il Corriere, CN (2010) (-) Wilma Borges, Agenda WB, San Paolo (2010) (-) Rogerio Figueroa, Folha de Condominio, San Paolo (2010) (-) Pino Procopio, Artista, Giulianova (2008) (-) Revista Circuito, Sao Paulo do Brasil (2012) (-) Marcello Bisegna, ISIS News, Roma e Recife, Brasile (2007) (-) Giampiero Pedace, Assessore Pubblica Istruzione e Cultura, Nettuno (2011) (-) MD Arte Eventi, San Paolo (2011) (-) Viaggi in Rete, Roma (2010) (-) Quattrocchi Lavinio Eventi, Nettuno (2011) (-) Alida Forcadell, Special Media Events, Barcellona (2008) (-) Mascia Ferri, Centro d'Arte La Bitta (2007) (-) Mascia Ferri, Quattrocchi Su Roma (2009) (-) Marcello Paris, Equitazione & Ambiente, Roma (2009) (-) Letizia Fanari, "Equitazione & Ambiente", Roma (2006) (-) Falando De Varejo, Sao Paulo do Brasil (2012) (-) Patricia Faria, De Leon Comunicaçoes, San Paolo (2010) (-) Carlo Speranza, Centro d’Arte La Bitta, Roma (2007) (-) Moreno Bisegna, Concilium Sanitatis Italicum, Roma (2005) (-) Fausto Fiume, Galleria D'Arte Moderna Fidia, Roma (2010) (-) Leila Bottarelli, Galleria Clio, Alessandria (2008) (-) Benito Recchilongo, Galleria André, Roma (2009) (-) Pablo Maria Landi, Hulot, Galerie, Paris (1986).

La Critica

La Critica - Joseph Pace

MUSEO BONCOMPAGNI LUDOVISI PER LE ARTI DECORATIVE DELLA GALLERIA NAZIONALE DI ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA DI ROMA

Ispirato da fonti diverse quali la moda, la storia, la musica elettronica e le arti decorative, l’artista italiano Joseph Pace utilizza tecniche diverse (come la pittura, la scultura, le incisioni elaborate al computer e, in questo caso, la scultura-assemblaggio di bijou della serie “MIDAS”), influenzato dall’iconografia della società di massa, dalla filosofia e dalla psicanalisi.

Il suo lavoro si colloca in un percorso artistico e intellettuale attraverso cui l’artista reinterpreta le nostre più profonde realtà psichiche. 

Pace, è  uno dei maggiori esponenti del filtranisme, la corrente filosofica e artistica neo esistenzialista che egli fonda a Parigi nella metà degli anni '80.

Come è stato per l’esistenzialismo di Sartre e di Camus, anche il filtranisme si esprime artisticamente attraverso l’opera di Joseph Pace.

L'Eva Futura è un’opera dal linguaggio ricercato ed estetizzante, che riprende alcuni temi cari alla letteratura novecentesca che hanno reso popolare il termine "androide". L’opera prefigura la possibilità di vita degli esseri umani artificiali, discute la questione etica del confine tra "umano" e "non umano" e dei limiti delle macchine e anche dell'uomo, ma soprattutto promuove l'idea di una realtà essenzialmente illusoria.

L'Eva Futura, come tutte le opere della serie MIDAS, è stata realizzata dall’artista con migliaia di pezzi di bigiotteria, per lo più vintage, che egli ricerca in ogni parte del mondo, realizzando così anche una sorta di ricerca nell'ambito dell'"archeologia industriale" applicata  alla decorazione del corpo dei nostri tempi. Attraverso tecniche diverse, Pace mette insieme generazioni diverse di creativi e di utenti. Questo, secondo l’artista, è anche il compito del filtranisme.

I suoi lavori hanno preso parte a numerose mostre in musei e altre sedi espositive a Parigi, Marsiglia, Munich, Madrid, Barcellona, Sevilla, Sao Paulo, Brasilia, Jaguariuna, Roma, Milano, Firenze, Amalfi, Venezia, Alessandria, Alba, Padova, etc.

 

ALL ABOUT JAPAN, JOSEPH PACE FILTRANISME MUSEUM CROCETTI BY KAORI SAKAY

ローマ】ローマ郊外でくつろぎの時を クロチェッティ美術館, 酒井 香織 - ジョセフ・パーチェ個展のポスター

クロチェッティ美術館では企画展も催しています。2015年1月12日から1月28日までは、国際的に活躍するイタリア人彫刻家ジョゼフ・パーチェの個展を開催しています。宝石をちりばめた作風が特徴で、つい最近その作品がボンコンパーニ・ルドヴィーシ美術館に収蔵されたことでも話題のアーティストです。2月1日から2月14日まではイタリアの画家アンドレア・アルファーノ展を開催します(アルファーノ展期間中 月曜~金曜11時~13時、15時~19時、土曜11時~19時、日曜休館)。入場無料。

----(Italiano)

A gennaio 2015 organizza la mostra personale e retropsettiva dedicata all'attivo artista internazionale, pittore, sculture e incisore, Joseph Pace. Il suo lavoro è caratterizzato anche dalle sculture di gioielli vintage. Pace è anche un artista topico i cui recenti lavori sono stati recentemente esposti anche al Museo Boncompagni della Galleria nazionale d'arte moderna e contemporanea di Roma. 

 

Выставки в Италии 2015 вторая часть

Вечный город как обычно наполнен событиями, среди которых выделим некоторые - Museo Venanzo Crocetti с12 по 28 января - Joseph Pace (Filtranisme) -

Крупнейшая выставка, посвященная художнику Иосифу Пейсу. Представлены экспериментальные произведения искусства в которых гравюры сочетаются с ювелирными скульптурами. Представляется более сорока картин, гравюр, скульптур из музеев и частных коллекций всего мира.

----(English version)

Eternal City as usual is full of events, among which the largest exhibition dedicated to the artist Joseph Pace (Filtranisme) at the Museo Venanzo Crocetti, with the experimental work of art in which the prints are combined with jewelry sculptures, and more than forty paintings, prints, sculptures from museums and private collections around the world.

 

JUMERIAH MAGAZINE, DUBAI - Joseph Pace, Filtranisme at the Museo Venanzo Crocetti in Rome

Hailed as one of the most important artists of the moment, painter sculptor and printmaker Joseph Pace is celebrated in this complelling solo show. With more than forty sculpturea, paintings, assemblages, and larges prints processed by computer, draw from private collections and museums around the world, you can expect to see artistic content with philosophical  undertones. Jewels also play a part.

 

MUSEO VENANZO CROCETTI 

Dal 12 al 28 gennaio 2015, il Museo Crocetti presenta una grande mostra restropsettiva dedicata all’artista cosmopolita Joseph Pace. Con più di quaranta tra sculture, assemblaggi, dipinti e grandi incisioni elaborate al computer provenienti da musei e collezioni private di tutto il mondo l'evento “Joseph Pace Filtranisme, sperimentazioni sulle nuove possibilità dell’arte: dalle incisioni elaborate al computer alla tecnica delle sculture di gioielli” è l'ennesima grande mostra realizzata in Italia e dedicata a questo artista negli ultimi vent’anni. In omaggio al suo lavoro, in questi anni, sono state allestite mostre istituzionali in Brasile a San Paolo nel 2010 al Museu de Arte, al Parlamento di Sao Paulo e al CRC, nel 2011 a Forte Sangallo a Nettuno e, nel 2012, alTeatro Municipal de Jaguariùna e ancora al CRC di San Paolo. In occasione della Campionato del Mondo di Calcio “Brasil 2014”, per il Museu Afro Brasil  Pace realizza “Mundial Brasileiro” un’opera della sua più recente serie di sculture di gioielli MIDAS.

Joseph Pace, pittore, scultore, incisore, è uno dei più importanti e influenti artisti del momento. Con la sua opera, Pace dona un nuovo contenuto al significato che l’arte può assumere in un periodo dominato dalla cultura dell’immagine. Le sue recenti sculture di gioielli della serie MIDAS, i suoi dipinti delle serie ATONS e IDM come le sue grandi incisioni elaborate al computer ENGRAVING dal forte carico emotivo, trattano temi esistenziali quali l’edonismo tragico dei nostri tempi, la precarietà e l’impermanenza delle cose e dei fenomeni. 

La Galleria nazionale d’arte moderna e contemporanea di Roma che da qualche anno si occupa dell’artista, scrive: “La pittura è per Joseph Pace una vera esigenza interiore, una possibilità ulteriore – non la sola – per tirar fuori i nostri interrogativi della vita, le parti più nascoste della nostra anima e poterli finalmente vedere e fronteggiare”.

La mostra è stata realizzata dalla curatrice Pascale Brisson in stretta collaborazione con l’artista, e si dispiega nello storico edificio del Museo Crocetti.

Joseph Pace nacque nel 1954 a Morbegno, Sondrio, e si è formato in Africa nello Zaire. Da Roma, si trasferì negli anni Ottanta a Parigi per completare gli studi alla Sorbonne di Parigi. E’ in quell’ambito che fonda “le filtranisme” una corrente artistica e filosofica che segna immediatamente il suo tratto verso l’espressionismo astratto. Artista erudito e poliglotta vive e lavora a Roma, Parigi e Sao Paulo. Negli ultimi anni ha presentato esposizioni importanti in Sud America e in Europa. Le sue opere sono custodite presso musei e collezioni private di tutto il mondo.

Joseph Pace ha lavorato a lungo con gli studenti della Facoltà di Sociologia all’Università Sapienza di Roma, sottolineando che "insegnare ai ragazzi è per me molto importante. Non è solo perché insegno cose, ma soprattutto perché instauriamo un dialogo da cui emerge cosa vuoi realmente. Nell’insegnamento, credo ancora nel dialogo, nell’arte della maieutica di Socrate. Quando sappiamo di non sapere, le cose emergono. L’arte è davvero qualcosa che si impara stando tra la gente. Artista attivo per la pace, la cultura e l’educazione, nel corso degli anni ha collaborato con organismi e organizzazioni internazionali nell’ambito della tutela del patrimonio artistico.

 

MUSEO AFRO BRASIL A SAO PAULO DEL BRASILE

Il MAB, Museo Afro Brasil di San Paolo,  arricchisce la sua collezione con due grandi opere di Joseph Pace. Pace è il primo artista italiano che entra a far parte della prestigiosa collezione del MAB.

La prima opera è un olio su tela e fa parte della serie astratta ATONS di grandi dipinti. L'opera, intitolata "Dire, Fare, Baciare, Lettera e Testamento". L'opera  è stata già esposta in Brasile nel 2010 al Museo de Arte do Parlamento de Sao Paulo, nel 2010 e nel 2013 al CRC di san Paolo e nel 2011 al Teatro di Jaguariuna.

Il secondo lavoro, dal titolo "Mundial Brasilero: Bola de Futebol com Quatro Jugadores e Bolas", in accordo con il direttore del Museo Emanoel Araujo, è stato espressamente creato da Joseph Pace per i Mondiali di Calcio in Brasile del 2014: si tratta di una grande scultura rotante multimediale raffigurante un pallone da calcio. L'opera fa parte della serie MIDAS dell'artista. Strettamente legato alla action painting informali, ma anche, e la pop art, Joseph Pace esplora attraverso i gioielli l'edonismo tragico dei nostri tempi.

 

MUSEU DE ARTE DO PARLAMENTO DE SAO PAULO - A EMOCOES DE DINAMISMO VITAL E DE FORCA COSMICA DE JOSEPH PACE  

Renovando-se a todo instante, imprevisível tanto no estilo quanto na técnica, o pintorJoseph Pace sabe aproximar com sensibilidade e bom gosto as cores mais disparates, criando refinados arabescos. Ao observar suas obras chega-se à conclusão de estar frente a um artista criador de formas novas que mudam a cada obra com a mutação das emoções que a vida, sempre mutante, suscita no animo do pintor italiano. Considerado um dos maiores expoentes do movimento filosófico lançado em Paris nos anos 80 e denominado "Filtraniste", seu cromatismo possui uma função de alcance do dinamismo vital e de força cósmica quase atômica na existência. A inserção de um eventual elemento figurativo de ruptura na composição é um chamamento ao observador da dramática realidade que emerge do artista e que pode prevalecer sobre a emoção estética. No ritmo que o artista imprimiu e onde tudo se torna um fato essencial á sua realização, sua pintura é feita a jato e sua cor é vida. Como se observa na obra "Força Cósmica 1", doada ao Museu de Arte do Parlamento de São Paulo, o pintar impulsivo de Joseph Pace é determinado, sem dúvida, por uma vida sempre mais convulsiva e frenética.

 

O artista 

 

Pintor, escultor, filósofo e dramaturgo, Joseph Pace nasceu em Morbegno, Itália em 1959. Vive e trabalha em Roma onde fez sua formação artística. 

Iniciou-se nas artes figurativas impulsionado por sua mãe pintora e por seu tio Antônio Cardile, conhecido artista da Escola Romana. Formou-se na Universidade La Sapienza de Roma e na Sorbonne, em Paris. 

Sua ascensão está estreitamente ligada ao seu encontro com Mariastella Margozzi, conhecida historiadora de arte contemporânea que o definiu como um artista "informal e filtranista". Intimamente ligado ao informal mas também à action painting e à pop art, o artista é conhecido tanto por sua pintura quanto por suas gravuras. Participou desde 1986 em inúmeras exposições coletivas e mostras individuais em Paris e Marselha (França), Barcelona e Sevilha (Espanha), Roma, Alessandria e Alba (Itália) e Munique (Alemanha). Realizou em 2012 exposições individuais no Espaço Cultural do CRC, na Galeria Spazio Surreale em São Paulo e no Espaço Cultural Candido Portinari em Jaguariúna. No corrente ano foi convidado para expor no Centro Cultural no Circolo Italiano di San Paolo. Possui obras em diversas coleções particulares e oficiais na Europa, África e no Brasil no Museu de Arte do Parlamento de São Paulo.

 

JOSEPH PACE FILTRANISME - MIDAS IN SAO PAULO DO BRAZIL - ELITE MAGAZIONE - SAO PAULO

MIDAS is the name of the last series of the Italian artist Joseph Pace Filtranisme presented in Sao Paulo this year. The series refers to the world of classical mythology to express the issues that are closest to Pace as the social condition of human beings and the exploitation of men, women and animals.

The artist explores an ontological through bijoux, opulence and the caricature of our contemporary times language. Are intense work done with precise contours of brilliant colors, with thousands of pieces of silver and gold with pearls of all colors and vintage costume jewelry. The result is amazing.

Painter, sculptor, philosopher and playwright, Joseph Pace was born in Morbegno Lombardy in 1959. Lives in Rome and works in Paris, Sao Paulo and Dubai. In 1987 in Paris, he founded the “Filtranisme”, an artistic and philosophical existentialist with a current overview of the anti – life.

Closely linked to the informal, but also action painting and pop art, the artist is known for his painting and for his prints.

Since the eighties, exposes in Europe and Brazil, in Sao Paulo, Brasilia and Jaguariuna.

ELITE ART MAGAZIONE, SAO PAULO, BRAZIL, 2014

---- (Portuguese version)

MIDAS é o nome da última série do artista italiano Joseph Pace Filtranisme, apresentada em São Paulo este ano. A série se refere ao mundo da mitologia clássica para expressar os temas que são mais próximos á Pace, como a condição desigual da raça humana e a exploração dos homens, das mulheres e dos animais.

 

O artista explora com uma linguagem ontológica e através de bijoux, a opulência e a caricatura dos nossos tempos contemporâneos. São trabalhos intensos feitos com contornos precisos de cores brilhantes, com milhares de pedaços de prata e ouro, com pérolas de todas as cores e bijuterias vintage. O resultado é surpreendente.

Pintor, escultor, filósofo e dramaturgo, Joseph Pace nasceu em Morbegno Lombardia em 1959. Vive em Roma e trabalha em Paris, São Paulo e Dubai. Em 1987 em Paris, ele fundou o “Filtranisme”, uma corrente artística e filosófica existencialista com uma visão anti-global da vida.

Intimamente ligado ao informal, mas também à action painting e à pop art, o artista é conhecido tanto por sua pintura quanto por suas gravuras.

Desde os anos oitenta, expõe na Europa e no Brasil, em São Paulo, Jaguariuna e Brasília.

  

JOSEPH PACE - MARIASTELLA MARGOZZI DELLA GALLERIA NAZIONALE D'ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA DI ROMA

La pittura è per Joseph Pace una vera esigenza interiore, una possibilità ulteriore – non la sola – per tirar fuori gli interrogativi della sua vita, le parti nascoste della sua anima e poterli finalmente vedere e fronteggiare, spesso magma assoluto di colori mescolati sempre al limite dell'equilibrio cromatico, altre volte solidificati in forme simbolo, come tracciati, siluri, sciabolate, reti. E' quasi sempre un mondo “al di là”, che lo stesso artista percepisce come staccato da sé e come roteante liberamente in un cosmo senza forza di gravità, dove tutto può espandersi nell'assenza di confini. Adesso, tuttavia, nelle ultime opere, Joseph cerca un modulo di misurazione del suo universo caotico e lo trova nel quadrato, figura simbolo non tanto della geometria quanto di un ordine pensabile. Quadrato perché quadrata è la cornice che dovrebbe contenere il quadro di Pace alla fine della sua realizzazione e che, invece, il pittore anticipa nel quadro stesso con la sagoma dipinta -  quattro lati, quattro angoli - che con prepotenza entra nel quadro a cercare una sorta di inquadratura interiore, a volte vi si moltiplica a individuare diversi punti focali di visione; sempre, tuttavia, vi abita.

Finalmente, i quadri di Pace sono abitati da un atto volontario, diverso dall'informalità apparentemente casuale del substrato della sua pittura. Atto di volontà che vuole imporsi come autolettura del proprio mondo interiore, non l'unica, bensì quella possibile in quel dato momento “x” che vive la propria coscienza.

Il quadrato è in realtà anche un'ancora capace di trattenere al suo interno la forza primordiale di quel caos di colori, di inquadrarla per renderla più comprensibile e leggibile, ma anche di trattenerla tout-court, di non farla disperdere in quel cosmo senza forza di gravità che è la coscienza di Pace. Quell'energia non si può disperdere, o almeno non completamente. Occorre che permanga sulla superficie del quadro, che vi si imprima e illuda il pittore che qualcosa di quel grande flusso vitale che è la sua energia può rimanergli dentro, ancora capace di generare altri flussi e altri magmi. Eppure il pensiero speculativo di Pace, quello che governa tutto il suo impegno pittorico, non contempla la possibilità della “permanenza”, al contrario predica la “impermanenza” perenne della coscienza di fronte al mondo. A ben vedere non si tratta di una contraddizione. Certo si tratta di una lotta, non cruenta, anzi addirittura ludica, come ludico è tutto il percorso pittorico di Pace. Si tratta di un “dai, facciamo a botte!” gridato a se stesso e ai fantasmi colorati della sua coscienza. L'impermanenza e l'attuale bisogno di permanenza lottano insieme e creano immagini; immagini informali alle quali si sovrappongono immagini più definite, i quadrati appunto, ma nessuno dei due contendenti ha il sopravvento sull'altro, perché l'intento – forse non così inconscio – del pittore è quello di far perdurare la lotta e di fissare come in un'impossibile istantanea uno dei momenti possibili dello scontro. Il mondo fermato dall'istantanea della pittura non è il mondo reale, naturalmente, ma il mondo di Pace, in gran parte ignoto anche a lui, caotico e vivace, inafferrabile eppure ben presente. Il quadrato l'attraversa e lo fissa, ma i punti di attraversamento possono essere molteplici come molteplici possono essere i quadrati. E' un “mondo al quadrato” quello che alla fine si manifesta e, quindi, proprio il contrario di ciò che Pace sembra aver posto alla base della sua ricerca. Questa forma geometrica netta, fatta di angoli e segmenti, in realtà è solo una figura simbolica, un segno che paradossalmente assume una valenza criptica nella pittura di Pace; non un'inquadratura, non una messa a fuoco, forse, ma un potenziamento dell'immagine e, anche, una sua moltiplicazione. Un principio matematico che sembra presiedere al caos e che invece, per assurdo, lo accresce esponenzialmente. E' l'ultimo divertimento di Joseph Pace.

DUBAI JUMEIRAH MAGAZINE (UAE)

DUBAI JUMEIRAH MAGAZINE (UAE) - Joseph Pace

Hailed as one of the most important artists of the moment, painter, sculptor and printmaker Joseph Pace is celebrated in this complelling solo show. With more than forty sculpturea, paintings, assemblages, and larges prints processed by computer, draw from private collections and museums around the world, you can expect to see artistic content with philosophical undertones. Jewels also play a part. Joseph Pace Filtranisme, Museum Crocetti in Rome.

DUBAI JUMEIRAH MAGAZINE (UAE) - Joseph Pace

Джозеф Пейс музей Crocetti

Джозеф Пейс музей Crocetti - Joseph Pace

Крупнейшая выставка, посвященная художнику Иосифу Пейсу. Представлены экспериментальные произведения искусства в которых гравюры сочетаются с ювелирными скульптурами. Представляется более сорока картин, гравюр, скульптур из музеев и частных коллекций всего мира.

Джозеф Пейс музей Crocetti - Joseph Pace

Джозеф Пейс музей Crocetti - Joseph Pace

Джозеф Пейс музей Crocetti - Joseph Pace